GDPR, quali sono i miei diritti online

Il regolamento europeo sulla privacy uniforma i tuoi diritti online in tutta l’unione europea, scopri come

Siamo XSoftware, una impresa Italiana di informatica, in questo articolo parleremo di quali sono i diritti degli utenti su ogni servizio telematico.

Il regolamento generale sulla protezione dei dati o GDPR è un regolamento della Unione Europea che rafforza la protezione dei dati personali di cittadini all’interno e all’esterno dei confini della Unione in vigore dal 25 Maggio 2018.

Il regolamento si applica ad ogni tipo di impresa e ente con sede legale all’interno e all’esterno della Unione, a prescindere dai luoghi dove risiedono i sistemi di archiviazione (server) ad eccezione delle attività di sicurezza nazionale o di ordine pubblico.

Sono definiti dati personali tutte le informazioni relative a persone fisiche, sono dunque escluse società, aziende, enti che non corrispondono a persone fisiche. I dati si categorizzano nel seguente modo:

  • Dati personali: Sono tutte le informazioni relative alla persona fisica identificabile ad esempio nome, pseudonimo o posizione ma anche alla condizione economica, psichica o sociale.
  • Dati sensibili: Sono tutte le informazioni relative all’origine razziale, le opinioni politiche, le convinzioni religiose o filosofiche, l’appartenenza sindacale, o alla vita sessuale.
  • Dati sensibili genetici: Sono le informazioni relative ad analisi di DNA o RNA.
  • Dati sensibili biometrici: Sono le informazioni relative ad analisi biometriche come impronte digitale o riconoscimento facciale.
  • Dati personali relativi a condanne penali o reati: Sono tutte le informazioni relative alla fedina penale di un persona.

Dunque non è possibile ottenere tali informazioni senza previo consenso del soggetto e deve essere dato con una richiesta semplice e chiara e deve essere spiegato l’utilizzo che si intende fare dei dati, il consenso non è valido per i minori di 13 o 16 anni (dipende dallo stato), infatti può essere dato solo da chi ne eserciti la podestà e deve essere verificabile.

Inoltre i dati devono essere al sicuro, quindi non devono essere rubati durante un attacco hacker o non devono essere perduti ad esempio se si rompe il disco del computer, inoltre si deve incaricare un responsabile alla protezione dei dati.

Hai altri dubbi o domande? Scrivici! Al lato troverai i nostri contatti o puoi anche lasciare un commento nel nostro blog.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *